Come sbarazzarsi del fastidioso OSD sui monitor

No all’osd, la scritta in sovrimpressione

Vorrei proporre questo articolo come fosse una lettera aperta: un messaggio indirizzato a tutti coloro che installano e comprano monitor in fiera.

Vi prego, fate tutto quello che potete per eliminare quell’orribile OSD (la scritta in sovrimpressione, per capirci) che si vede ogni volta che inizia il filmato.

esempio di OSD fastidioso
Datemi pure del tecnico maniaco, ma credo che la qualità e la cura dei dettagli siano importanti. Sono le fondamenta di ciò che ha reso il design e i prodotti italiani famosi nel mondo.

In tutti questi anni di allestimenti ne ho viste davvero di cotte e di crude. Monitor dove si leggevano nomi file tipo: “filmato_per_la_fiera_last_defdef_v5_compresso.mp4”.
Per non parlare di chi, preso da un momento di disperata frustrazione, ha scritto imprecazioni nel nome del file (sì, è capitato pure a me).

Questo, al pari di un cattivo design, di una cattiva illuminazione, di un cattivo suono o semplicemente di una scarsa comunicazione, porta il tuo cliente ad una conclusione subconscia molto semplice: «mi sento a disagio» o, peggio: «non mi ispirano fiducia questi».
L’obiettivo di ogni display è comunicare, informare, intrattenere un essere umano. Perché lasciare che la comunicazione del tuo contenuto venga interrotta da una questione così banale?

La risposta è, probabilmente: «Non so come eliminare la sovrimpressione»,  ma la soluzione è molto più semplice di quanto tu possa immaginare.

Se stai usando dei monitor professionali per digital signage ad esempio come i Samsung UE55D che uso io, basta che imposti il contenuto all’interno di un layout digital signage. In ogni caso, moltissimi monitor professionali dispongono già degli strumenti che ti permettono di ottenere questo risultato. Elencarli tutti sarebbe infinito. Basta un po’ di impegno, oppure un buon tecnico al seguito.

Se il tuo monitor è collegato ad un pc, semplicemente disattiva gli osd dal software che stai usando per riprodurre il filmato.
L’opzione finale, la più veloce e pratica, è affidarsi ad un player esterno. Ce ne sono decine di diversi, sul mercato digital signage, c’è solo l’imbarazzo della scelta.
Io ti posso proporre il mio, che è nato per il video mapping, ma fa egregiamente anche la messa in onda su qualsiasi display in loop seamless (significa che può riprodurre all’infinito il contenuto senza interruzioni tra la fine e l’inizio del filmato).

Si chiama KU e trovi informazioni su di lui qui:

www.kuprojection.com

 

Spero l’articolo ti sia stato utile! Se è così, condividilo con i tuoi colleghi e se vuoi fare un commento o chiedermi una consulenza non esitare a contattarmi!

 

(Visited 204 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.